We Art

(EN) How does art entwine feelings and ownership? Material value and gut instinct? How can we put a price on creativity and how do we measure beauty? 

We Art it is a role-swap that looks at the world in which art lives, questioning the conditions for its creation, acceptance and influence in global society and cultures. This anarchic video installation stands as a discourse about what art is and where it starts. The word art itself, and the 120 unique handwritings, feeds this debate with as many questions and answers. We Art is a collective art project addressing the importance for art to be inclusive, and the need to remove barriers – both financial and educational - to its diffusion, understanding and appreciation.

Special thanks go to Jesus Canuto Iglesias for the support in the realization of this work. To him We Art owes a lot of its anarchic and chaotic personality. Lastly, many thanks go to all the 120 people that from different part the world joined and contributed to this project with their own art-word.


(IT) In che modo nell’arte si intrecciano valore materiale ed emozioni? Come si mette un prezzo alla creatività e come si misura la bellezza?

We Art guarda al mondo in cui l'arte vive, mettendo in discussione le condizioni della sua creazione, accettazione e influenza nella società globale e nelle sue infinite culture. L'installazione vuole contribuire al dibattito su cosa sia Arte e su dove essa abbia inizio.  La parola Arte stessa, presentata in 120 differenti calligrafie di altrettanti individui, alimenta questo dibattito con altrettante domande e risposte.

We Art è un progetto collettivo che si concentra sull'importanza per l'arte di essere inclusiva e sulla necessità di rimuovere le barriere - sia finanziarie che educative - alla sua diffusione, comprensione e apprezzamento.

Ringrazio Jesus Canuto Iglesias per il supporto tecnico nella realizzazione di quest’opera. A lui We Art deve molto del suo carattere anarchico e disordinato. Un grazie particolare va alle 120 persone sparse nel mondo che hanno contribuito a questo progetto.

 

Copyright ©2019 all rights reserved daniele scauso